sabato 30 novembre 2013

Circolare scolastica

Roma, 28/11/2013
Agli alunni
Ai docenti
Ai genitori 
Sede succursale
Oggetto: accensione dell'impianto di riscaldamento a.s. 2013/14 
Si comunica che, a seguito di tagli obbligati dalla 'spending review', il Dipartimento X, Servizi per la Scuola della Provincia di Roma, pur nella grande attenzione all'equilibrato utilizzo delle risorse, ha effettuato una rimodulazione degli orari di erogazione del riscaldamento che, sino al 31/12/2013, subirà la riduzione di un'ora al giorno. Pertanto l'orario di accensione sarà dalle ore 8:00 alle ore 13:00 per cinque giorni a settimana. 
Il Dirigente Scolastico


Ecco, magari queste cose non si sanno abbastanza, e allora l'ho messa sul blog.

Nella sede in oggetto, l'entrata degli alunni a scuola avviene a partire dalle ore 7:50, le lezioni iniziano alle ore 8:00 (insieme all'accensione dei termosifoni), e terminano quasi sempre alle 14:00 se non alle 15:00 per chi ha la settima ora.
L'edificio è normalmente gelido anche con i termosifoni pienamente funzionanti (si tratta di una costruzione degli anni '70 / '80, credo, sopraelevata su travi di ferro, davvero gelida in inverno).

Dunque grazie alla 'spending review' si sta a scuola al freddo, e in questi giorni il freddo è freddo freddo.
Conoscete altre situazioni simili? Mi piacerebbe sapere dove altro ciò avviene all'insaputa dell'opinione pubblica e senza conseguenze.

Naturalmente nel corso dell'inverno capita spesso a Roma,  dove le temperature invernali possono essere molto miti, di stare nelle scuole con i termosifoni bollenti e le finestre aperte per non squagliarsi dal caldo.
Ora tagliano il riscaldamento nei giorni più freddi dell'anno, ma mai hanno pensato a razionalizzare la spesa dei riscaldamenti e a controllare i consumi in maniera intelligente, magari applicando ai termosifoni contabilizzatori di calore che ne regolarizzino l'accensione a seconda delle temperature esterne.

Siete mai entrati in una scuola? Perché ci sembra assolutamente normale che le scuole siano i luoghi squallidi e fatiscenti che generalmente sono? E perché ci sembra normale che in questi giorni di grande freddo possa passare nelle scuole una circolare del genere?

E lo dico a me stessa per prima, naturalmente.

Oggi state belli caldi a casa, che lunedì si torna a scuola...

11 commenti:

  1. Ciao! Da noi ancora non hanno tagliato il riscaldamento ma tremo al pensiero...
    Abbiamo trasferito il nostro blog, ti va di seguire con gfc anche quello nuovo? Ovviamente ricambiamo!
    www.sevacolazione.blogspot.it
    S&V

    RispondiElimina
  2. Eccomi! Guarda sul riscaldamento a scuola ho ricordi tremendi del mio ginnasio. La scuola viene così bistrattata senza capire che invece dovrebbe essere trattata come un prezioso fiore pieno di fiori che non aspettano che di sbocciare invece che di appassire e...congelarsi!
    un caro saluto e tanti auguri per le feste ormai vicine!
    Chiara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "un prezioso fiore pieno di fiori che non aspettano che di sbocciare invece che di appassire…": che bella immagine, Chiara!
      Un caro saluto e tanti auguri anche a te!

      Elimina
  3. Che vergogna veramente. E come dici tu costrebbe meno investire in un sistema intelligente, ma ho l'impressione che il nostro sistema scolastico sia in mano a dei caproni... e poi vogliono insegnare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. uhm… "caproni"… bella parola davvero appropriata

      Elimina
  4. Divertente il sottotitolo...invece credo che un blog sulla scuola in tanti potrebbero leggerlo, io almeno sono qui! A scuola ci passo tante ore anch'io: quest'anno 18, il precedente 24, una media così e so quanto sia indispensabile, per tutti quanti, un ambiente confortevole da ogni punto di vista. Non sempre è così...sì, mi è capitato di vivere situazioni simili, ma dovute per lo più a guasti delle caldaie o finestre inceppate. Non pensavo fosse possibile tagliare sul riscaldamento, come giustamente dici si potrebbe razionalizzare meglio la spesa durante l'arco dell'anno, piuttosto che fare scelte drastiche così poco intelligenti. Goditi queste feste al calduccio, buon anno Paola!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie del commento Ninfa e per essere passata di qui.
      Ancora auguri!

      Elimina
  5. Ciao Paola chi dice che un blog sulla scuola non lo legge nessuno? Io lo leggo volentieri! Perciò eccomi qua tra i tuoi followers. Seguo anche l'altro tuo blog da un po' di tempo e mi piace molto pure quello.
    Per qunto riguard il riscaldamento a scuola,io stamani sono morta di freddo, alle 11.00 i termosifoni erano spenti a scuola mia, a Montefiascone(VT).
    Un abbraccio
    Sara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per l'incoraggiamento, Sara, e benvenuta!

      Elimina
  6. Mi dispiace moltissimo...
    Anche io mi sono iscritta,
    un abbraccio e speriamo questo periodo passi in fretta...

    RispondiElimina
  7. Mi dispiace moltissimo...
    Anche io mi sono iscritta,
    un abbraccio e speriamo questo periodo passi in fretta...

    RispondiElimina