sabato 23 febbraio 2013

Un nuovo blog! Devo essere impazzita...

Non so cosa mi abbia preso. Devo essere impazzita.
Ma, davvero, così, su due piedi, ho deciso di aprire un nuovo blog.
Come se occuparmi di  Ho fatto il composto!, il mio piccolo blog che ama l'ambiente e odia i rifiuti, non fosse già più che sufficiente.
La verità è che sentivo l'esigenza di un po' di spazio per un'altra parte di me,  quella che tutti i giorni va a scuola a lavorare.

Quando ero piccola tenevo una specie di diario, che più che un diario era una raccolta di riflessioni e pensieri, un modo per organizzare e chiarire le idee (sono sempre stata una che pensa scrivendo). Quaderni e quaderni di pensieri.
Poi un giorno, durante un'operazione di decluttering esistenziale, ho stracciato e buttato tutto. Mi sembrava di essere diventata grande.

Ma niente è prezioso come la scrittura per mettere ordine nell'anima.
E scrivere un blog non è come scrivere un diario personale chiuso nel cassetto, è molto di più.
Ho pensato (forse sì, in un momento di difficoltà, devo ammetterlo) a quel mondo che riempie la mia mente ogni giorno e che costituisce il mio lavoro.
Ho pensato a quanto mi è servito e mi serve scrivere il mio blog.
E ho deciso di buttarmi.

E dunque, ecco il primo post di quello che forse sarà un blog che si occuperà di scuola.
Pensieri, esperienze, riflessioni. Materiali. Idee. Contributi. Approfondimenti.
Perché a scuola ci si va per imparare.
E scrivere, ragionare, mettere ordine e soprattutto comunicare aiuta a imparare meglio.

Bando poi alla timidezza!
Tanto, come dice il sottotitolo al nome,
un blog sulla scuola non lo legge nessuno

12 commenti:

  1. E invece io lo leggo, e sai perchè? Perchè penso che la scuola abbia il 50% della responsabilità sulla formazione di un individuo: Perchè se oggi sono quella che sono, lo devo, oltre naturalmente al mio babbo e alla mia mamma, anche alla mia maestra delle elementari e ad una insegnante di storia e filosofia del liceo. La prima,perchè mi ha trasmesso, oltre alle prime nozioni, un impronta morale che sento ancora oggi. La seconda, che con il suo modo di insegnare ha aperto la mia mente e gli ha donato una chiave per aprire tutte le porte. Io vado ad iscrivermi e ti faccio i miei migliori auguri per il nuovo blog.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Carla per l'incoraggiamento e benvenuta (sei la prima follower, grazieee!)
      Un caro abbraccio e spero a presto!

      Elimina
  2. non lo legge nessuno soprattutto se non ci dici che esiste...io ti seguo, nella scuola ho lavorato moooolti anni fa, poi il precariato mi ha portato a afre altro, ma ogni tanto ci torno per degli interventi "artistici" e comunque sono convinta che il cambiamento passi da lì....quindi eccomi qui

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Daniela.
      Hai ragione, per ora lo tengo un po' nascosto, non so neanche bene se riuscirò a scriverci, che imbranata che sono!
      Però le vostre parole mi incoraggiano, e dunque grazie davvero.
      Parlare di scuola non è facile, come non è facile lavorarci... vedremo.
      Mille volte benvenuta, dunque! E a presto, speriamo!

      Elimina
  3. Tanto un blog sulla scuola lo abbiamo scoperto lo stesso :)
    Sono curiosa di leggere i tuoi post, del mio periodo da studentessa ricordo molti insegnanti privi di entusiasmo, alcuni troppo vecchi per riuscire a rendere interessanti le materie trattate, pochi - per fortuna - incompetenti, e purtroppo pochi che ricordo con piacere e che mi hanno insegnato oltre alle nozioni tecniche anche metodi di studio e vere e proprie lezioni di vita.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Insomma, mi avete proprio beccata :)
      Benvenuta anche a te, Pe!
      Le tue parole dicono bene quanto sia difficile affrontare il mondo della scuola. Molti hanno brutti ricordi. Ci sono un sacco di contraddizioni. E tra i miei alunni, chissà quanti pensano di me le cose che tu dici dei tuoi peggiori insegnanti :( non troppi, speriamo :)

      Elimina
  4. Io lo leggo un blog sulla scuola!
    Perché mi interessa, perché ho un bel ricordo, perché ho avuto una piccola esperienza di insegnamento all'estero e perché, a scuola, mi piacerebbe proprio tornarci. Mi piacerebbe insegnare, "da grande".

    Hai avuto una bella idea! E soprattutto sarà bello leggere il parere di chi, la scuola, la vive dall'interno.

    Ciao! ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Cris! Benvenuta anche a te!
      In bocca al lupo, spero tu riesca a realizzare la tua aspirazione.
      Abbi un po' di pazienza con il blog, però, non so se riuscirò a scrivere con regolarità. Sono ancora in fase di assoluto rodaggio e non so cosa ne sarà di questo spazio. Ma il vostro incoraggiamento è prezioso.
      Ciao!

      Elimina
  5. Ecco che ti leggo anche io!|

    Sono in ritardo, ma l'ho scoperto solo adesso!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti lo tengo un po' nascosto...
      Benvenuta, comunque! Spero di avere un po' di tempo da dedicare anche a questo blog, che per il momento langue un po'...

      Elimina
  6. Posso dissentire sul fatto che un blog sulla scuola non lo legge nessuno? Avendo fatto parte anche io della "categoria" Prof (da poco tempo in pensione) capisco i tuoi dubbi gli stessi che mi hanno "assalito" nel momento in cui ho cominciato a realizzare il blog sulla lettura http://letturesenzatempo.blogspot.it/
    Perciò ecco che entro con piacere nel tuo spazio
    simonetta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Simonetta, benvenuta!
      Ho ricambiato la visita, e ti seguirò anche io molto volentieri.
      A presto,
      Paola

      Elimina